NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

STORYTELLING – RACCONTI VENEZIANI

Lunedì 21 maggio 2018 (Aula Magna, ore 17.30) Inizia con Silvio Franceschet e i Rugagiuffa un nuovo ciclo di incontri e proiezioni curato da Roberto Ellero dal titolo “STORYTELLING – RACCONTI VENEZIANI”. 

Diverse modalità di “cinema” faranno la loro comparsa già in questa prima serie, a riprova di quanto sia oggi versatile – anche a Venezia – il panorama del raccontare per immagini in movimento:  si inizia con l’approccio documentario di Vite vitae e il disincanto ironico della webserie giovanilista Rugagiuffa, vita vissuta in diretta o quasi; la ricostruzione biografica di una personalità della statura di Luigi Nono attraverso il montaggio di inediti home movies  di famiglia; il ritrovarsi di quattro “fratelli d’arte” nella saga “maledetta” dei De Luigi nel film di Gogò Bianchi I sommersi.

Raccontare Venezia dal di dentro, nel farsi e magari disfarsi di idee e progetti, nel vissuto di chi c’era e faceva, significa anche dare conto di rotture e di stravaganze, di utopie e di sogni, di lotte e di fatiche: tutto ciò che – in soggettiva – fa di una città qualcosa di molto più complesso delle sue bellezze e della sua stessa Storia.
Storie, piuttosto, per recuperare un senso di comunità che va rivendicato e riconquistato di continuo. Anche quando il peggio sembra avere la meglio.
Con il cinema è più facile: realtà, finzione, ricordi, memoria, immaginario, immaginazione…
Ma adesso…..buio in sala, Venezia si racconta come vuole e sa.
Poi ne parliamo.

Altri articoli

NOSTALGJA – Concerto della SVC

FRA VENEZIA E VIENNA – CORSO DI STORIA VENETA 2016

CHIUSURA PER LE FESTIVITA’ DI FINE ANNO

STORIA DEL DIRITTO VENEZIANO

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI – Lunedì 14 maggio 2018

PROSEGUE SOSPENSIONE DELLE ATTIVITA’ PUBBLICHE FINO AL 15 MARZO 2020

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER