Ultima ora

AVVISO - In occasione della festività dell'Immacolata l'Ateneo Veneto rimane chiuso da venerdì 8 dicembre a domenica 10 dicembre 2017.

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI - 11 DICEMBRE 2017

ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI

ore 16.30 I’ convocazione – ore 17.30 II’ convocazione

 

Ordine del giorno:

1. Relazione del Presidente sull’attività 2017
2. Relazione del Tesoriere e approvazione del bilancio preventivo 2018
3. Elezione dei nuovi Soci
4. Relazione del Presidente sul quadriennio 2014-2017
5. Presentazione delle candidature e del programma della Presidenza 2018-2021
6. Rinnovo della cariche statutarie:
Presidente, Vicepresidente, Segretario Accademico, Delegato agli Affari Speciali, Tesoriere
eletti per il quadriennio 2018 – 2021,
oltre a 6 Consiglieri Accademici e 5 Revisori dei Conti.

 

 Nel corso della serata il tradizionale cocktail
per gli auguri di fine anno

ALL'APPARIR DEL VERO - OMAGGIO A GUGLIELMO CIARDI

Mercoledì 13 dicembre - Aula Magna, ore 17.30

ALL'APPARIR DEL VERO - OMAGGIO A GUGLIELMO CIARDI

Dialogo a più voci con:

Gabriella Belli, Direttore Fondazione Musei Civici di Venezia
Giuseppe Pavanello, Università di Trieste
Nico Stringa, Università Ca’ Foscari Venezia
Camillo Tonini, Ateneo Veneto

A cento anni dalla scomparsa del pittore veneziano Guglielmo Ciardi (Venezia, 13 settembre 1842 –  5 ottobre 1917) l’Ateneo Veneto propone al  pubblico mercoledì 13 Dicembre 2017 (Aula Magna - ore 17.30) un incontro a più voci per ricordare uno dei maggiori protagonisti della pittura di paesaggio e per approfondire il suo messaggio estetico,  inserito in un momento topico dell’arte non solo italiana ma europea dell’epoca: il formarsi della veneziana “Scuola del vero” con pittori come Napoleone Nani, Giacomo Favretto, Ettore Tito, Luigi Nono, Alessandro Zezzos, Alessandro Milesi, Egisto Lancerotto, Pietro Fragiacomo.

Un bilancio a un secolo dalla morte di Guglielmo Ciardi (che ebbe casa e studio a San Barnaba, a Quinto di Treviso e a Canove, sull’Altopiano di Asiago, e che ebbe due figli entrambi pittori, Beppe e Emma) è un  omaggio doveroso che la sua città gli deve e come tale vuol essere anche un auspicio che si possa organizzare una mostra delle sue opere maggiori. 

 

ASSEGNATO IL PREMIO "PIETRO TORTA" 2017

Allo Squero della Fondazione Giorgio Cini il XXXIV Premio “Pietro Torta”

Menzioni d’onore a Università Ca’ Foscari, Fondazione Querini Stampalia
 e Comité Français pour la Sauvegarde de Venise

Con una cerimonia tenutasi sabato 18 novembre nell’Aula Magna dell’Ateneo Veneto, è stato assegnato il XXXIV Premio “Pietro Torta” per il restauro architettonico di Venezia: la Commissione giudicatrice ha deliberato all’unanimità di assegnare il riconoscimento per l’anno 2017 all’intervento di restauro dello Squero dell’isola di San Giorgio, consegnando la medaglia d’argento (opera dell’artista Gianni Aricò) al Presidente della Fondazione Giorgio Cini Giovanni Bazoli.

 Assegnato con cadenza biennale, il Premio “Pietro Torta” è realizzato da Ateneo Veneto con il contributo e la partecipazione dell’Ordine e del Collegio degli Ingegneri della Provincia di Venezia; prende in considerazione interventi realizzati o completati nell’arco degli ultimi due anni nell’ambito della Città Metropolitana di Venezia.

Per questa XXXIV edizione si è inteso premiare un accurato ed elegante intervento di restauro che ha trasformato lo squero ottocentesco nell’Isola di San Giorgio Maggiore (un tempo destinato alla costruzione di imbarcazioni) in un Auditorium da 200 persone caratterizzato da un’ottima acustica, aperto alla città, gestito dalla Fondazione Giorgio Cini, che ne ha curato il recupero ed il riuso.

Per l’edizione di quest’anno la Commissione ha voluto anche riprendere una consuetudine del Premio “Pietro Torta” fin dai tempi della sua istituzione, affiancando al premio per il miglior restauro architettonico eseguito nell’arco degli ultimi due anni, anche tre menzioni d’onore, per altrettanti interventi ritenuti meritevoli di attenzione, tra i numerosi presi in esame.

Le tre menzioni sono assegnate alle seguenti istituzioni private e pubbliche:

- Comité Français pour la Sauvegarde de Venise, per il restauro degli Appartamenti Reali nelle Procuratie Nuove in Piazza San Marco che, con il recupero di tutta l’ala, restituisce alla città un periodo della sua storia

- Fondazione Querini Stampalia , per il lungo e costante impegno profuso nell’offrire alla Città sempre nuovi spazi per la cultura all’insegna dell’architettura contemporanea

- Università Ca’ Foscari di Venezia, per il recupero urbano e funzionale dell’area del Campus Economico a San Giobbe, che ha rivitalizzato una parte periferica della città.

TUTTI I DETTAGLI ALLA PAGINA DEI PREMI

 

Se partecipate alle nostre iniziative e desiderate fermarvi a Venezia ...

‹ credits ›