NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

GIORNO DELLA MEMORIA: IL BAMBINO NELLA NEVE

Martedì 31 Gennaio 2017 (Aula Magna, ore 17.30) l’ultimo appuntamento per il GIORNO DELLA MEMORIA 2017 all’Ateneo Veneto è la presentazione del libro Il bambino nella neve di Wlodek Goldkorn.
Goldkorn è da molti anni una voce conosciuta della cultura italiana: ha intervistato grandi artisti, scrittori, premi Nobel, e raccontato molte storie. Mai la sua personale: quella di un bambino nato da genitori scampati agli orrori della Seconda Guerra mondiale, che abitava in una casa abbandonata dai tedeschi in fuga, ancora piena di piatti e mobili provvisti di svastica, che crebbe nel vuoto di una memoria familiare impossibile da raccontare, impossibile da dimenticare, impossibile da vivere. Poi arriva il momento di fare i conti con la memoria e con la trasmissione dei ricordi  e del passato. Da qui prende le mosse un viaggio di ritorno: a Cracovia, a Varsavia, ad Auschwitz, a Be?zec, a Sobibór, a Treblinka. Un viaggio nella memoria, da ricostruire, da inventare, da proiettare nel futuro: i genitori, gli amici, gli eroi e le vittime, il ragazzino che gioca con i compagni nel cortile fingendo di essere ad Auschwitz. Un viaggio che non ha paura di spingersi nel buio più profondo del Novecento, senza perdere la chiarezza dello sguardo, il disincanto di chi sa che ogni ricordo è anche fantasia, che essere figlio dell’Olocausto non significa immedesimarsi nelle vittime ma deve portare alla rivolta.

L’autore conversa con Shaul Bassi. Coordina la serata Renato Jona

Altri articoli

Non solo di cose d’amore. Noi, Socrate e la ricerca della felicità

PROFUGHI A CINECITTA’ Anteprima veneziana del film di Marco Bertozzi

“PORTE DI MESTRE” SOSTIENE L’ATENEO VENETO

CRISTINA COMENCINI HA INAUGURATO IL 205° ANNO ACCADEMICO

VENETI NEL MONDO – LE ORIGINI DI VENEZIA TRA MITO E REALTA’

Autodeterminazione e globalizzazione secondo Roberto Ciambetti e Davide Lovat

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER