Ateneo Veneto

Evento

Ferrovia e città, nuovi ruoli, nuove forme

INFRASTRUTTURE E SPAZI URBANI FRA TECNICA E CULTURA
Sala Tommaseo
Programma accademico

18
Feb 2020
Martedì
17:30

Ateneo Veneto, Ordine Architetti PPC Venezia, rivista Trasporti&Cultura
INFRASTRUTTURE E SPAZI URBANI FRA TECNICA E CULTURA
Ferrovia e città, nuovi ruoli, nuove forme
a cura di Michelangelo Savino
Intervengono Liala Baiardi (Politecnico di Milano) e Susanna Borelli (Direzione Stazioni di RFI-Rete Ferroviaria Italiana)
Nel cuore della città contemporanea si intrecciano la profonda innovazione nella mobilità e la dinamica trasformazione dei luoghi urbani. La stazione ferroviaria è uno dei più caratteristici esempi di questa realtà. Nell’evoluzione della sua forma la stazione esprime sia la profonda innovazione che ha interessato il trasporto ferroviario, sia la trasformazione del senso e del significato del viaggio, sia il diverso modo che gli utenti hanno di usare quello spazio anche per altre attività che potrebbero non avere nulla a che fare con il partire o il ritornare, con l’attendere e accogliere. Nello stesso tempo la stazione ferroviaria è luogo di transito veloce ed efficiente per scendere da un mezzo e prenderne un altro, senza alcuna interazione con lo spazio della stazione stessa. Per assolvere a queste nuove funzioni, la stazione ferroviaria modifica la sua struttura e in questa evoluzione muta progressivamente anche il suo ruolo all’interno della città.