Ateneo Veneto

PREMIO MARINO GRIMANI per il restauro artigiano

03-08-2017

20161217_120943_resized_120161217_104217_resizedDa dx la vincitrice Giovanna Niero, Alberto Ongaro, Benedetta Grimani

 

E’ la restauratrice Giovanna Niero la vincitrice della quarta edizione del Premio “Marino Grimani” per le eccellenze nell’ambito del restauro artigiano e della conservazione delle opere storico-artistiche.
Il riconoscimento è stato consegnato nel corso di una cerimonia pubblica che si è tenuta sabato 17 dicembre 2016 nell’Aula Magna dell’Ateneo Veneto.
La Commissione giudicatrice, dopo aver valutato attentamente tutte le candidature pervenute, ha deciso di assegnare a Giovanna Niero il Premio Grimani 2016 per l’importante intervento di restauro eseguito nell’ultimo biennio sull’intera collezione di dipinti di Lino Selvatico, che ha dato modo di riscoprire e valorizzare un pittore storico del panorama artistico veneziano del primo Novecento, attraverso il restauro, lo studio e le analisi di ricerca pittorica eseguite.
Il Premio è stato consegnato a Giovanna Niero dal Presidente della Commissione Alberto Ongaro e da Benedetta Grimani, figlia di Marino Grimani, alla cui memoria il premio è intitolato.
Alla cerimonia sono intervenuti lo storico dell’arte Silvio Fuso (già direttore di Ca' Pesaro), il Presidente dell’Ateneo Veneto Guido Zucconi e il vicepresidente della Camera di Commercio Siro Martin.
Per l’edizione 2016 la Commissione giudicatrice del Premio Grimani era composta dal Alberto Ongaro, Camillo Tonini e Franco Pianon per Ateneo Veneto, e da Siro Martin e Adriano Rizzi per la Camera di Commercio.