NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

lunedì 14 Marzo 16:30

Sala Tommaseo

Programma accademico

Territori tra diversità e omologazione

Ateneo Veneto, Dipartimento ICEA (Ingegneria Civile Edile Ambientale) Università di Padova, rivista “Trasporti & Cultura”
Ciclo di incontri
TRASPORTI E TERRITORI
Territori fra diversità e omologazione
Coordina:
Giovanni Giacomello, Dipartimento Ingegneria Civile Edile Ambientale, Università di Padova
Territorio italiano, differenze e antidoti all’omologazione
Alberto Ferlenga,  Università Iuav di Venezia
Diversità, omologazione, identità dei territori: il contributo della rivista Trasporti & Cultura
Laura Facchinelli, direttrice della rivista
Marco Falsetti, Università di Roma La Sapienza e co-curatore del numero
Architetture lungo le autostrade
Luigi Siviero, Università di Padova
Pianificazione urbana e modificazione nella Cina di oggi
Giusi Ciotoli, architetto, co-curatrice del numero

E’ possibile seguire l’incontro anche online collegandosi al link di Zoom
https://unipd.zoom.us/j/82458153830?pwd=N2lVaVB5MnBKTDdoY09MbUFaYXRKUT09
ID riunione: 824 5815 3830
Passcode: 822552

L’identità di un territorio è espressione e specchio dell’identità di un popolo. Troppo spesso – all’insegna del progresso e in una diffusa indifferenza – si cancellano testimonianze paesaggistiche, architettoniche, culturali sedimentate per secoli, per inserire costruzioni utili, ripetitive, “omologate”.
O comunque si rinuncia all’impegno nella formazione e nella progettazione, perdendo la capacità di “sognare” e quindi di creare forme che possano interpretare, con nuovi materiali e tecnologie innovative, un presente all’altezza della storia del proprio Paese.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER