NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

MOBILITA’ LAGUNARE

Nell’ampio ambito di indagine della “città che si trasforma”, Ateneo Veneto ha ideato un ciclo di incontri dedicato alle possibili strategie di mobilità e accessibilità in una città come Venezia, inevitabilmente articolata tra terraferma e centro storico insulare. 
La prima giornata di studio sulla “Mobilità lagunare” si tiene martedì 11 novembre 2014 (Aula Magna, inizio ore 14.00) ed ha come sottotitolo “Tramway, biciclette, monorotaie”.
In questa occasione saranno presentati da parte di tecnici una serie di progetti – alcuni dei quali non noti al pubblico – riguardanti la mobilità in area urbana, cui farà seguito una tavola rotonda con esperti del settore, rappresentanti delle istituzioni e degli ordini professionali.
In questa iniziativa convergono due diversi filoni: uno legato alla realizzazione o al completamento di sistemi di trasporto già in parte in uso (la rete tramviaria, i percorsi ciclabili), l’altro riferito a proposte futuribili: collegamenti su monorotaia o su altre vie aeree, ponti tra isole lagunari. Quest’ultimo tipo di progetti vanta a Venezia una lunga tradizione alimentata da una sorta di sfida che la particolarità dell’ambiente lagunare ha posto agli ingegneri otto-novecenteschi.
Lungi dall’essere liquidate come semplici boutades, queste proposte possono essere assunte come base per discutere dei problemi di mobilità nel disegno di una più grande Venezia. Inoltre, insieme con le reti in corso di realizzazione, i progetti di nuovi mezzi di trasporto ci permettono di riflettere attorno al futuro sistema di relazioni che può venirsi a creare tra la laguna e il suo più ampio contesto.

CREDITI FORMATIVI
L’Attestato di frequenza all’evento darà diritto ad acquisire 3 CFP.
I crediti formativi verranno riconosciuti a tutti gli ingegneri iscritti agli ordini d’Italia che si iscriveranno all’evento tramite sito dell’Ordine degli Ingegneri di Venezia all’indirizzo: www.ordineingegneri.ve.it   nella sezione riservata alla Fondazione Ingegneri Veneziani.

MOBILITA’ LAGUNARE – Programma

Altri articoli

Per una cittadinanza attiva

BRUGNARO vs. CASSON: CONFRONTO TRA I CANDIDATI SINDACO

Conferenze sulla condizione dell’esilio

“IL CAMPANILE DI SAN MARCO 1902-1912.DALLA CADUTA ALLA RICOSTRUZIONE” – Mostra: 24 aprile/25 maggio 2012

ATENEO VENETO CHIUSO FINO AL 13 APRILE 2020

41° FESTIVAL DEL TEATRO della Biennale di Venezia Laboratori di Jan Fabre e Ricardo Bartis

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER