NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

LETTERE IMPOSSIBILI – Missive tra i grandi della letteratura immaginate da Paolo Puppa

L’Ateneo Veneto dedica al teatro i quattro venerdì di febbraio (5, 12, 19, 26) con le “Lettere impossibili” di Paolo Puppa.
Si tratta di quattro monologhi letti dall’autore-attore nell’Aula Magna dell’Ateneo Veneto e disponibili sul nostro CANALE YOUTUBE al venerdì, a partire dalle ore 18.00.
I monologhi hanno per protagonisti colossi della letteratura e della ribalta tardo ottocentesca e novecentesca come bsen e Strindberg, Svevo e Pirandello, Dino Campana e Sibilla Aleramo, Pier Paolo Pasolini e Don Milani.
Le Lettere impossibili, pubblicate circa dieci anni fa dall’editore Gremese, sono una invenzione di Paolo Puppa, e allo stesso tempo risultano costruite su basi documentate (là dove possibile anche mimando le tecniche espressive delle personalità ospitate) e su materiali biografici rispettosi della carriera dei protagonisti. 
Le lettere sono messaggi febbrili, nell’attesa smaniosa e impotente di un segnale dell’altro che non può o non vuole arrivare. Il  loro è scopo  è quello di mostrare la non reciprocità dell’investimento amoroso o dell’interesse portato dall’Io all’altro, quasi la spietata negazione del verso dantesco “Amor che a nulla amato amar perdona”. Le epistole vengono infatti per lo più siglate da raggelanti risposte, sempre sfasate e per lo più indirizzate a terzi, confermando la solitudine del Soggetto nel reale.

Paolo Puppa si trova qui a riunire le due facce del suo lavoro, quello storico-scientifico del professore universitario specialista di teatro, e quello inventivo del drammaturgo-performer; ogni lettura infatti è preceduta da una introduzione storica.

PROGRAMMA
Venerdì 5 febbraio: Vecchi e giovinette, una relazione disturbata
Venerdì 12 febbraio: Quanto può essere crudele un genio
Venerdì 19 febbraio: Lettere al sugo di polpetta
Venerdì 26 febbraio: Lasciate che i fanciulli vengano a me

Altri articoli

L’Ateneo Veneto guida il Coordinamento interaccademie

UN DIPLOMA ALL’ATENEO VENETO da parte del Ministero degli Affari Esteri di Romania

FERMOIMMAGINE 2008 Martedì 18 marzo 2008 dalle 15 alle 24

Ciro Longobardi e le improvvisazioni di Luc Ferrari

L’età della bellezza…si cresce – Il nuovo libro di Maria Luisa Semi

Costantino Reyer e Pietro Gallo. La storia degli sport moderni veneziani all’Ateneo

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER