NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

LETTERE IMPOSSIBILI – Missive tra i grandi della letteratura immaginate da Paolo Puppa

L’Ateneo Veneto dedica al teatro i quattro venerdì di febbraio (5, 12, 19, 26) con le “Lettere impossibili” di Paolo Puppa.
Si tratta di quattro monologhi letti dall’autore-attore nell’Aula Magna dell’Ateneo Veneto e disponibili sul nostro CANALE YOUTUBE al venerdì, a partire dalle ore 18.00.
I monologhi hanno per protagonisti colossi della letteratura e della ribalta tardo ottocentesca e novecentesca come Ibsen e Strindberg, Svevo e Pirandello, Dino Campana e Sibilla Aleramo, Pier Paolo Pasolini e Don Milani.
Le Lettere impossibili, pubblicate circa dieci anni fa dall’editore Gremese, sono una invenzione di Paolo Puppa, e allo stesso tempo risultano costruite su basi documentate (là dove possibile anche mimando le tecniche espressive delle personalità ospitate) e su materiali biografici rispettosi della carriera dei protagonisti. 
Le lettere sono messaggi febbrili, nell’attesa smaniosa e impotente di un segnale dell’altro che non può o non vuole arrivare. Il  loro scopo è quello di mostrare la non reciprocità dell’investimento amoroso o dell’interesse portato dall’Io all’altro, quasi la spietata negazione del verso dantesco “Amor che a nulla amato amar perdona”. Le epistole vengono infatti per lo più siglate da raggelanti risposte, sempre sfasate e per lo più indirizzate a terzi, confermando la solitudine del Soggetto nel reale.

Paolo Puppa si trova qui a riunire le due facce del suo lavoro, quello storico-scientifico del professore universitario specialista di teatro, e quello inventivo del drammaturgo-performer; ogni lettura infatti è preceduta da una introduzione storica.

PROGRAMMA
Venerdì 5 febbraio: Vecchi e giovinette, una relazione disturbata
Venerdì 12 febbraio: Quanto può essere crudele un genio
Venerdì 19 febbraio: Lettere al sugo di polpetta
Venerdì 26 febbraio: Lasciate che i fanciulli vengano a me

 

Altri articoli

L’attività dell’Ateneo Veneto è sospesa per la pausa estiva. La segreteria e la biblioteca restano chiuse dal 13 al 25 agosto.

DARWIN DAY 2016: A SCUOLA DALLA NATURA

Inaugurazione della lapide dedicata a Vittorio Cini

L’INSULA REALTINA sede dei patriarchi di Grado Presentazione del nuovo volume edito da Ateneo Veneto

IL PREMIO VENEZIA … CONTINUA Lunedì 29 ottobre 2012 concerto dei pianisti Pierdomenico e Carletti

In punta di penna. L’informazione raccontata dai protagonistiIl prezzo del velo, l’Islam visto da GIULIANA SGRENA

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER