NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

La Cina e la “ferroVia della seta” di Pio d’Emilia

“YI DAI YI LU – LA FerroVia della Seta” – Il docufilm sulla Cina di Pio d’Emilia

 L’economia e l’importanza della Cina nel panorama mondiale sono i temi in primo piano del docu-film di Pio d’Emilia “La ferroVia della Seta” che varrà proiettato sabato 26 ottobre 2019 in Aula Magna alle ore 17.00.
A introdurre il documentario saranno lo stesso autore con Gianpaolo Scarante, Marco Ceresa, Giuliano Segre.
“Lasciate che la Cina dorma – diceva Napoleone – perchè quando si sveglierà, farà tremare il mondo”. La Cina si è svegliata, e già da tempo. Ma non sta facendo tremare il mondo: lo sta conquistando, lentamente ma inesorabilmente. 
Da giornalista-inviato Sky-esploratore, dopo oltre 40 anni “in giro” per l’Asia, Pio d’Emilia non poteva sottrarsi alla responsabilità di raccontare una delle nazioni più potenti del mondo, nella sua complessità che abbraccia problemi e contraddizioni, durante i suoi continui e  profondi cambiamenti, e nel suo peso nel mondo.
l documentario, che è dedicato per 2/3 alla Cina, affronta anche  il “passaggio” in Europa, senza tralasciare la questione italiana, il ruolo sempre meno importante della Russia, quello invece sempre più strategico dei due paesi “cuscinetto” Kazakhistan e Bielorussia, e quello della Germania, che dei treni cinesi rappresenta la destinazione finale. Il focus è fissato sull’aspetto storico, sociale ed economico evitando volutamente di approfondire temi delicati come quello dei diritti umani, che comunque emergono quando, in particolare, nello Xinjiang, abbiamo respirato a pieni polmoni un clima di pesante intimidazione e di limitazione al nostro lavoro.

Altri articoli

PICCOLE IMPRESE NEL VENETO DEL NOVECENTO

A GAIA TOMAZZOLI IL PREMIO PAOLA RIGO

MOBILITA’ LAGUNARE III – L’accesso all’insula

GINO STRADA all’ATENEO VENETO il 4 maggio per il ciclo “In Punta di Penna”

FESTIVITA’ DI FINE ANNO 2021 – CHIUSURA DELLA SEDE

Claudio Ambrosini UR-MALO. DA MENEGHELLO.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER