NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

Corso di Storia della Sanitá 2020 –  Le misure della Repubblica di Venezia contro le pandemie 

La Serenissima nel 1423 inventò il primo lazzaretto della storia, un ospedale di Stato ad alto isolamento per i casi di peste manifestatisi in città e nelle navi in arrivo; già nel 1468 ne istituì un secondo, per i guariti che dovevano trascorrere un periodo di contumacia prima di rientrare nella città dei sani.
Da qui parte il Corso di Storia della Sanità 2020, ideato e condotto da Nelli-Elena Vanzan Marchini, che  quest’anno si occupa di vecchie e nuove pandemie.
Il Corso, realizzato in collaborazione con il Consiglio Regionale del Veneto, si intitola “Le misure della Repubblica di Venezia contro le pandemie” e a causa delle nuove disposizioni antiCovid lo potete seguire, registrato, sul canale YouTube dell’Ateneo Veneto.
La strategia sanitaria della Serenissima contro le pestilenze richiese l’istituzione di un Magistrato alla Sanità (1486) che divenne un modello per la prevenzione delle epidemie. Esso monitorò la scena internazionale per rilevare i paesi infetti attraverso informatori e spie, allo scopo di sospendere con essi ogni rapporto fino alla scomparsa del pericolo.
Alla politica internazionale di prevenzione corrispose una politica interna di controllo del territorio attraverso i piovani, per individuare malati e morti di peste e contenere i focolai interni e i vettori di diffusione delle epidemie. Il motto del Magistrato  “guardarsi da chi non si guarda” comportò misure preventive e cordoni sanitari soprattutto nei confronti dei domini dell’Impero Ottomano, che per motivi culturali e religiosi non adottava alcuna cautela sanitaria. Venezia non poteva rinunciare  agli scambi mercantili sui quali aveva costruito la sua fortuna perciò con la sua politica  sanitaria cercò di conciliare gli interessi economici con la tutela della salute: dopo la grande peste del 1630, il morbo non entrò più in città anche se ha continuato a flagellare i porti mediterranei e le altre nazioni fino al XIX secolo.

Programma:

I lezione 
“Guardarsi da chi non si guarda” .La politica internazionale della Serenissima e l’invenzione della tracciabilità

II lezione
San Rocco e l’informazione sanitaria di massa

III lezione
Il controllo dei focolai interni, dell’immigrazione e della mendicità

IV lezione 
Venezia e le tre Madonne per la Salute

Altri articoli

La storia delle navi veneziane raccontata dal Capitano di Vascello Liorsi

CORSO DI STORIA DEL DIRITTO VENEZIANO

CORSO DI STORIA VENETA 2013 La spending review ai tempi della Serenissima: Stato e cittadini di fronte alla crisi economica

Il suono sinfonico del Romanticismo – CLAUDIO ABBADO

PREMIO ACHILLE E LAURA GORLATO Assegnata la prima borsa di studio

AUGURI TINTORETTO!

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER