NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

lunedì 16 Novembre 08:00

Ateneo Veneto

Programma accademico

Uscire dal carcere a sei anni

Presentazione del volume
Uscire dal carcere a sei anni. 
I figli delle detenute tra diritti che confliggono: stare con la madre o essere liberi

di Carla Forcolin (Milano, FrancoAngeli 2020)
con il contributo di Aurea Dissegna, Mario Magrini e Maurizio Pitter
Prefazione di Gianfranco Bettin
Aurea Dissegna, Gianfranco Bettin conversano con l’autrice
Modera Barbara Marengo

Con l’attuazione della Legge 62/11, nata dalle migliori intenzioni, l’indiretta detenzione dei bambini che accompagnano le madri in carcere è stata raddoppiata nel tempo: prima della legge i bambini uscivano dal carcere a tre anni, ora a sei. Ma il carcere non è un luogo dove crescere bambini. Su questo l’accordo è unanime.
Questo libro presenta delle proposte per ridurre al minimo la sofferenza dei figli delle detenute, rivolgendosi, in primis, al legislatore, perché rimedi agli effetti indesiderati di una legge buona, ma anche a tutti coloro i quali si occupano a vario titolo della tutela dell’infanzia.
Carla Forcolin, fondatrice dell’Associazione “La gabbianella e altri animali” per l’adozione e l’affidamento, ne discute con la sociologa Aurea Dissegna, già Garante dei diritti dei bambini e dei detenuti della Regione Veneto, con il sociologo e scrittore Gianfranco Bettin, che ha curato anche la prefazione del volume, e con la giornalista Barbara Marengo.

CLICCA QUI

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER