NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

martedì 02 Aprile 17:00

Sala Tommaseo

Programma accademico

TEATRO FILOSOFICO. I FILOSOFI E L’AMORE

Ateneo Veneto, Accademia di Musica e Filosofia, Università Ca’ Foscari Venezia, Conservatorio “B. Marcello”, Liceo Artistico di Venezia, Archivio “Vittorio Cini”, Agimus
Eros è filosofo: Socrate ed Eros nel simposio di Platone
Relatori: Camilla Grandi e Luigi Vero Tarca
Musiche di Carl Philipp Emanuel Bach, Michele Deiana, Sigfrid Karg-Elert
eseguite da Elena Bernaus, Fong Fong Cheong, Andrea Vecchiato (flauto)
Letture a cura di Gianluca Da Lio e Fabio Strazzer
Melancholy opera figurativa di Francesca Depentor
L’elogio di Eros pronunciato da Socrate e quello di quest’ultimo ad opera di un ebbro Alcibiade nel “Simposio” platonico sono tra i brani più famosi della letteratura filosofica. Attraverso la lettura di questi passi, si cercherà di mostrare come Platone intenda la filosofia come un’esperienza erotica, che scaturisce dal desiderio di ciò di cui si è privi, ovvero il bello e la sapienza. Il racconto di Alcibiade tende a creare una sovrapposizione tra Eros e Socrate, elevando quest’ultimo a incarnazione della filosofia. Nelle mani di Socrate, l’amore diventa punto di partenza e strumento di un’azione educativa che trasforma l’amato in amante, portandolo a riconoscere i propri limiti e a desiderare di curarsi di se stesso, in un processo non privo di sofferenza e ostacoli, come ci rammentano i destini di Socrate e Alcibiade.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER