NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

giovedì 09 Settembre 18:00

Sala Lettura

Programma accademico

Spiagge della memoria

Presentazione del volume
Spiagge della memoria 
di Giulia Giudice (Firenze, Nardini editore 2019)

Maria Paiato legge alcuni passi dal libro.
Introduzione e dialogo letterario con Letizia Caselli.

Pubblicato un anno prima della morte, ma elaborato nell’arco degli ultimi venti anni, il libro “Spiagge della memoria” racconta “frange di vita”. Storie personali, soste per permettere ai pensieri di elevarsi a ricordi concreti e sempre interessanti. Storie minime, quotidiane, racconti veri ristretti negli spazi di una stanza, una casa delle vacanze, un incontro, un fatto insolito, le famiglie e le amicizie raccontate con una leggerezza che conquista e invoglia a girare pagina per capire l’evoluzione dei fatti o il carattere di uno dei protagonisti.
Giulia Giudice (1927 –  2020) ha lavorato come ricercatrice all’Istituto Regionale di Studi Economici del Veneto e in seguito ha insegnato geografia economica. Ha dedicato tutta la sua vita alla ricerca della conoscenza. La scrittura ha accompagnato tutta la sua esistenza con una produzione narrativa e soprattutto poetica fortemente innovativa e sperimentale legata in particolare alla cultura classica europea, alla filosofia bergsoniana del tempo, al linguaggio delle arti figurative, alla fantascienza come utopia laica dell’inconosciuto e metafora dell’assurdo della realtà.
Maria Paiato ha attraversato il teatro di parola e di regia di questi ultimi vent’anni acquisendo una qualità e una sensibilità che ne fanno un’interprete universale e particolarmente duttile e un’esploratrice creativa della forma monologo. Pluripremiata, tra i più prestigiosi riconoscimenti vanta Gli Olimpici del Teatro, il Premio UBI, il Premio Eleonora Duse e di recente il Nastro d’argento come miglior attrice non protagonista ne Il Testimone invisibile di Stefano Mordini.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER