NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

sabato 30 Maggio 10:00

Ateneo Veneto

Programma accademico

SHIPWRECK CRIME

Sabato 30 maggio 2020 apre ai Magazzini del Sale la mostra “Shipwreck Crime”, del fotografo Italo Rondinella.
L’Ateneo Veneto ha voluto dare il proprio patrocinio a questa esposizione, assieme all’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, UNICEF Italia, Regione del Veneto, Comune di Venezia e Università Ca’ Foscari.
La mostra è costituita da 44 fotografie e dai 44 rispettivi oggetti fotografati, appartenuti alle centinaia di persone che hanno tentato di attraversare il breve tratto di mare che separa la costa turca dall’isola greca di Lesbo, nella speranza di raggiungere il territorio europeo. Molti di loro non ce l’hanno fatta. Abiti, scarpe, biberon, salvagenti e molto altro, sono stati fotografati da Italo Rondinella così come sono stati rinvenuti sulla riva e successivamente raccolti per formare, insieme alle immagini, il corpus di questa mostra che vuole restituire dignità alle storie anonime di coloro a cui sono appartenuti.
“Schipwreck Crime”  è stata allestita negli antichi Magazzini del Sale, messi a disposizione dalla Reale Società Canottieri Bucintoro 1882: al loro interno l’autore ha incluso il sonoro – appositamente registrato dal vivo – della spiaggia turca frequentata normalmente dai bagnanti, dove gli oggetti sono stati ritrovati.
In linea con le misure di sicurezza adottate negli spazi espositivi per la protezione contro il coronavirus, l’ingresso sarà contingentato e con mascherina obbligatoria.
Orari da martedì a sabato: h. 10 – 18 / domenica: h. 10 – 13 | chiuso il lunedì
Visite guidate con l’artista su prenotazione telefonando al numero +39 3282026139
Ingresso gratuito.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER