NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

venerdì 12 Ottobre 11:00

Aula Magna

Programma accademico

Shakespeare in Venice new perspectives

Ateneo Veneto, Università Ca’ Foscari Venezia, Globe Education Shakespeare’s Globe London
International Conference
Shakespeare in Venice new perspectives
Welcome: Antonio Alberto Semi, Loretta Innocenti, Stanley Wells
Introductory: Patrick Spottiswoode, Laura Tosi, Shaul Bassi
Morning session: Laura Tosi, Janet Adelman, Daniel Vitkus, Joshua Holo, Patricia Parker
Afternoon Session: Patrik Spottiswoode, Kent Cartwright, Alessandro Serpieri, Virginia Mason Vaughan , Graham Holderness

ore 19.00
Renaissance Music Concert

L’Ateneo Veneto, il dipartimento di Studi Europei e Postcoloniali dell’Università di Venezia-Ca’ Foscari e il Globe Theatre di Londra, il più famoso palcoscenico shakespeariano al mondo, organizzano a Venezia il convegno internazionale “Shakespeare in Venice: New Perspectives”.
Il convegno intende affrontare il tema classico del rapporto tra Shakespeare e Venezia in ottica nuova e originale. Non più come semplice questione di colore locale, bensì sotto il profilo della filosofia politica, pensando alla Repubblica di Venezia nel Rinascimento come modello di relazioni politico-sociali e come laboratorio di cultura letteraria e religiosa innovativa, alla quale l’Inghilterra elisabettiana e Shakespeare guardavano con grande interesse, e come luogo di gestione del conflitto e convivenza tra civiltà e religioni diverse.
Il simposio prevede la partecipazione di alcuni dei massimi esperti italiani ed internazionali dei drammi veneziani di Shakespeare quali Janet Adelman (Berkeley), Alessandro Serpieri (Firenze), Patricia Parker (Stanford), Andrew Hadfield (Sussex) nonché storici del Rinascimento veneziano ed esperti di letteratura veneta del Cinquecento..

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER