NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

lunedì 05 Ottobre 17:30

Aula Magna

Programma accademico

Mappatura dei suoni per conoscere i luoghi

Ateneo Veneto, Ordine Architetti PPC Venezia, Collegio Ingegneri Venezia, rivista Trasporti&Cultura
INFRASTRUTTURE E SPAZI URBANI FRA TECNICA E CULTURA
Ciclo di incontri a cura di Laura Facchinelli e Michelangelo Savino
Mappatura dei suoni per conoscere i luoghi
Relatori: Paolo Zavagna,
curatore del progetto “Venicesounmap”
Nicola Di Croce, ricercatore e sound artist
Qual è la relazione tra suono e spazi urbani? Una riflessione sulla dimensione sonora della città oggi è quanto mai necessaria, dato l’effetto rilevante che le diverse sonorità hanno sulla nostra quotidianità. Fin dalle prime teorizzazioni sul paesaggio sonoro – parliamo del Canada della seconda metà degli anni Sessanta – la mappatura dei suoni si proponeva di capire quale fosse l’impatto del suono sul territorio: questioni di inquinamento acustico incominciavano a determinare i primi interventi da parte della popolazione e della politica sull’uso (o sull’abuso) di potenziali fonti di inquinamento acustico nel territorio. Oggi, grazie soprattutto alle potenzialità della rete, le mappe sonore possono riflettere un singolo campo disciplinare (l’ornitologia, ad esempio) oppure documentare lo sviluppo di una città attraverso i suoi ‘suoni’ (si veda il caso di “Bruxelles Nous Appartien”) oppure, come nel caso di “Venicesoundmap”, fornire da una lato un documento sonoro della città di Venezia e dall’altro materiale utile per successive elaborazioni ‘artistiche’ (composizioni, installazioni, ambientazioni sonore…).
Attraverso il caso di Venezia l’incontro si propone di capire come una mappa sonora possa orientarci all’interno di una città e restituirci un ambiente in continuo mutamento.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER