NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

venerdì 05 Aprile 17:30

Sala Tommaseo

Programma accademico

LIBRI

Presentazione del volume
Coscienza fonografica. La riflessione sul suono registrato nell’Italia del primo Novecento
di Benedetta Zucconi (Nocera Inferiore, Orthotes editrice 2018 )
Letizia Michielon, Massimo Contiero, Claudio Ambrosini e Veniero Rizzardi conversano con l’autrice
La pratica della registrazione sonora, diffusasi in Europa e negli Stati Uniti tra la fine del Diciannovesimo e l’inizio del Ventesimo secolo, rappresentò una novità tale da portare alla ridefinizione di molti aspetti legati alla vita musicale contemporanea, come il sistema produttivo, le abitudini di ascolto e persino il concetto stesso di evento sonoro. La possibilità di fissare e riprodurre i suoni venne quindi accolta, osservata, apprezzata, ma anche rifiutata e temuta nei circoli culturali dell’epoca, dove si iniziò a discuterne natura e possibili applicazioni. Il libro di Benedetta Zucconi ricostruisce il percorso della riflessione fonografica in Italia dagli albori del Ventesimo secolo fino allo scoppio del secondo conflitto mondiale, indagandone le cause e seguendone poi il diramarsi in differenti narrazioni.
Attraverso un ampio spoglio di pubblicistica coeva è ricostruita l’evoluzione socio-culturale del suono riprodotto: ne scaturisce un quadro multidisciplinare e composito, che connette tra loro elementi e protagonisti della cultura italiana primonovecentesca, tra cui i filosofi crociani e i pionieri dell’etnografia italiana, ma anche l’avvento della radio e del diritto d’autore nonché numerose personalità di spicco del ventennio fascista. Attraverso la lente della riflessione fonografica italiana il libro aggiunge così un tassello ulteriore alla storia culturale italiana di inizio secolo.
Benedetta Zucconi ha studiato musicologia a Cremona e a Berna, dove si è addottorata nel 2016. Attualmente è assistente di ricerca presso il dipartimento di Musicologia e Sound Studies della Rheinische Friedrich-Wilhelms-Universität di Bonn. Le sue pubblicazioni riguardano diversi aspetti della cultura musicale novecentesca, tra cui l’opera italiana del dopoguerra e la storia del suono registrato.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER