NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

mercoledì 03 Marzo 17:30

Canale Youtube di Ateneo Veneto

Programma accademico

LA SERENISSIMA NELLA STORIA DELLA VACCINAZIONE

CANALE YOUTUBE DI ATENEO VENETO

CORSO DI STORIA DELLA SANITA’ 2021
Lezione inaugurale
La Serenissima nella storia della vaccinazione
Relatrice  Nelli-Elena Vanzan Marchini

Da Voltaire al Verri, Da Beccaria a La Condamine, medici e filosofi animarono il dibattito scientifico e letterario che ha indotto l’Occidente a introdurre l’inoculazione del vaiolo per fronteggiare la pandemia dilagata nel Settecento. Era evidente che il vaiolo colpiva una volta soltanto nella vita, provocando uno stato febbrile e pustole confluenti che si trasfomavano poi in cicatrici deturpanti, sempre che il malato sopravvivesse. La pratica di provocare una forma lieve di vaiolo, inoculando il siero tratto dalla pustola di un malato era da secoli nota in Oriente.
Due medici veneziani, Jacopo Pilarino e Emanuele Timoni, studiarono l’inoculazione attuata dalle donne circasse per tutelare i loro figli e la resero nota agli ambienti scientifici senza grandi risultati. La moglie dell’ambasciatore inglese a Costantinopoli lady Mary Wortley Montagu, che aveva perso un fratello per il vaiolo, e ne portava lei stessa i segni sul corpo, fece inoculare i suoi figli e a Londra fu una appassionata promotrice dell’innesto presso la corte reale. Anche Maria Teresa d’Austria fece inoculare i suoi figli.
Venezia promosse con successo nel 1768 i primi esperimenti pubblici su fanciulli del popolo e su orfani degli ospedali, continuando le inoculazioni sperimentali nei decenni successivi.  Il dibattito continuò perché gli oppositori attribuirono proprio all’inoculazione l’incremento dell’epidemia.
Le polemiche si smorzarono con l’introduzione da parte di Jenner dell’inoculazione del  vaiolo vaccino. Si apriva una nuova era della ricerca scientifica che si sarebbe sviluppata grazie a Pasteur e a Koch, che isolarono e attenuarono la carica infettante dei germi causa di varie malattie. Il colonialismo e le guerre mondiali diffusero nel mondo le vaccinazioni e il vaiolo fu eradicato.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER