NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

lunedì 12 Ottobre 17:30

Aula Magna

Programma accademico

La “porta” della città. Le tensioni tra funzioni e forme

Ateneo Veneto, Ordine Architetti PPC Venezia, Collegio Ingegneri Venezia, rivista Trasporti&Cultura
INFRASTRUTTURE E SPAZI URBANI FRA TECNICA E CULTURA
La “porta” della città. Le tensioni tra funzioni e forme
a cura di Michelangelo Savino
Interventi di: Anna Buzzacchi, presidente dell’OAPPC di Venezia e presidente della FOAV
e Clemens Kusch, architetto e progettista
Coordinano i lavori Michelangelo Savino, dell’Università d Padova e Laura Facchinelli, socia dell’Ateneo Veneto

Il secondo incontro di questo nuovo ciclo su “Infrastrutture e spazi urbani” propone una riflessione sulle forme e sulle funzioni che determinano i caratteri dei luoghi della città contemporanea, in particolare quelli che svolgono un ruolo strategico nell’organizzazione urbana. Dopo aver discusso della stazione ferroviaria o piuttosto del waterfront, per questo incontro ci si occuperà delle vicende urbanistiche ed architettoniche di piazzale Roma, la “porta” della città.
Usando Venezia e alcuni dei suoi luoghi più “cospicui” si vuole esplorare infatti il  ruolo complesso che questi spazi urbani svolgono dal punto di vista sociale, culturale e simbolico, pur dovendo assicurare funzionalità e ed efficienza tecnica, in un rapporto controverso tra le attività per cui sono destinati e le forme che vengono loro conferite.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER