NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

mercoledì 09 Dicembre 17:30

Ateneo Veneto

Programma accademico

La Biennale del 1948: l’orizzonte dell’arte a Venezia nell’immediato dopoguerra

Ateneo Veneto, Associazione Amici dei Musei e Monumenti Veneziani
CORSO DI STORIA DELL’ARTE 2020
NOVECENTO: VENEZIA E LE ARTI. I PRIMI CINQUANT’ANNI
La Biennale del 1948: l’orizzonte dell’arte a Venezia nell’immediato dopoguerra
Relatrice: Cristina Beltrami, storica dell’arte e critica indipendente

La Biennale del 1948 è la prima del dopoguerra e il suo Segretario, Rodolfo Pallucchini, si prende mesi per l’organizzazione di questa mostra densa di eventi straordinari: dall’esposizione degli Impressionisti al Fronte Nuovo delle Arti di Giuseppe Marchiori, al suo primo confronto col grande pubblico internazionale. Mentre il padiglione della Grecia accoglie la collezione di Peggy Guggenheim, quello della Gran Bretagna mette a confronto due giganti nazionali: William Turner e Henri Moore. Roberto Longhi e Carlo L. Ragghianti sono tra i curatori di una mostra sulla pittura metafisica (Tre pittori italiani tra il 1910 e il 1920) che scatena le ire proprio di Giorgio de Chirico, mentre Carlo Scarpa allestisce una piccola personale di Paul Klee, la cui essenzialità formale e cromatica diverrà un ulteriore monito per l’architetto veneziano.
La XXIV Biennale pone Venezia alla sfida della modernità e i suoi artisti di fronte all’ineluttabile bivio tra figurativo ed astratto.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER