NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

martedì 16 Novembre 18:00

Aula Magna

Programma accademico

L’ Arsenale di Venezia. Da grande complesso industriale a risorsa patrimoniale

Presentazione del volume

L’ Arsenale di Venezia. Da grande complesso industriale a risorsa patrimoniale
a cura di Paola Lanaro e Christophe Austruy
(Venezia, Marsilio 2020)

Andrea Caracausi (Università di Padova) conversa con i curatori

Sono moltissimi gli studi realizzati anche a livello internazionale sull’Arsenale di Venezia, sia dal punto di vista storico-economico, sia architettonico, sia urbanistico.
L’Arsenale come luogo di lavoro maschile, femminile ma anche infantile non sembrava però avere attirato la giusta attenzione anche se comunemente viene definito la prima forma di grande impresa dagli stessi business historians che hanno ripetutamente analizzato l’organizzazione aziendale messa in essere nella grande istituzione.
In questo senso ricercatori italiani e francesi hanno progettato, sulla base delle loro diverse competenze e sotto la guida di Paola Lanaro e  Christophe Astruy una ricerca collettiva che si è concretizzata nel volume che viene presentato in questa occasione.
David Celetti, Marie Morgan  Abiven, Filippo Maria Paladini, Martina Buran, Giovanni Favero, Guido Zucconi e Maurice Aymard (che con le sue riflessioni ha steso le conclusioni della ricerca) hanno approfondito unitamente ai curatori, nei diversi loro settori di competenza, il tema del lavoro mettendo a confronto la realtà veneziana con quella di altri paesi, il tutto attraverso nuove fonti d’archivio.
Nello stesso tempo questo studio  può offrire spazi diversi alla progettualità sul futuro dell’Arsenale che dopo secoli di vivaci attività economiche, giace parzialmente inutilizzato, anche se sempre fonte di dibattiti politici che ancora non sono approdati purtroppo ad un risultato pratico significativo.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER