NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

mercoledì 20 Ottobre 17:30

Sala Lettura

Programma accademico

Il pathos della distanza: oggetti orientali con oreficerie medievali del Tesoro della basilica di San Marco

Ateneo Veneto, Patrimonio di Oreficeria Adriatica
Corso di Storia dell’Oreficeria e Arti Decorative 2021 – XVIII edizione
TESORI NASCOSTI E RITROVATI. ARCHEOLOGIA, OREFICERIE RESTAURI TRA ORIENTE E OCCIDENTE

Il pathos della distanza: oggetti orientali con oreficerie medievali del Tesoro della basilica di San Marco
Relatrice: Letizia Caselli

Esiste una documentazione piuttosto ricca sulle perdite causate dall’uso degli oggetti devozionali in metallo prezioso.
I manufatti più modesti sono sostanzialmente scomparsi, quelli sontuosi conservati nei tesori delle basiliche, come ad esempio quella di San Marco, sono invece ancora presenti,.forse per l’elevato valore materiale e simbolico costruito attorno ad essi.

Di quest’ultima categoria si intende considerare non tanto la vulnerabilità quanto gli interventi creativi medievali, in questo caso veneziani, eseguiti su oggetti più antichi, in origine bizantini, islamici e non solo, in una sorta di apparente “continuità” artistica e stilistica di estrema raffinatezza, ma con un decisivo cambio di funzione.

Un riuso e una nuova vita per gli oggetti insomma, che nel tempo interagiscono con la cultura di chi li ha ri-creati e con lo sguardo di chi li apprezza, spostando forse in altro luogo parte del loro ciclo vitale.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER