NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

mercoledì 18 Novembre 17:30

Ateneo Veneto

Programma accademico

Il Nuovo Ordine: Sironi, Bucci, Marussig e gli altri

IN DIRETTA SUL CANALE YOUTUBE DI ATENEO VENETO

Ateneo Veneto, Associazione Amici dei Musei e Monumenti Veneziani
Corso di Storia dell’Arte 2020
NOVECENTO: VENEZIA E LE ARTI. I PRIMI CINQUANT’ANNI
Il Nuovo Ordine: Sironi, Bucci, Marussig e gli altri
Relatrice: Elisabetta Barisoni, Responsabile della Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro

Seconda lezione in live streaming su YouTube (h. 17.30) del Corso di Storia dell’Arte dedicato al Novecento: stavolta i riflettori sono puntati sul Nuovo Ordine, di cui ci  parla Elisabetta Barisoni.
Furono moltissimi gli artisti che parteciparono come volontari al primo conflitto mondiale. Per Mario Sironi, Achille Funi, Anselmo Bucci, e ancora Leonardo Dudreville e Piero Marussig, l’attraversamento del periodo bellico, vissuto in prima persona o dolorosamente documentato, rappresenta la vera soluzione di continuità rispetto alle istanze del dinamismo futurista, alle ascendenze mitteleuropee e al postimpressionismo francese.
Il passaggio dell’arte dal moderno all’eterno, cui aspira la critica d’arte di origine veneziana Margherita Sarfatti, emerge nelle produzioni dei giovani interpreti già dalla fine degli anni Dieci, in opere che riprendono la forma compositiva classica, organizzata secondo nuovi vocabolari: equilibrio, compostezza, misura, ricerca delle forme archetipiche. Sono istanze queste che hanno nella Biennale di Venezia del 1924 un esito di estrema qualità e diffusione, registrando il nascere di nuove e più strutturate esperienze di gruppi artistici, come quello di Novecento italiano, e di più intensi dialoghi con la produzione europea, come il Realismo magico e la Nuova oggettività tedesca.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER