NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

giovedì 30 Maggio 17:30

Sala Tommaseo

Programma accademico

Feste veneziane

Ateneo Veneto, Comune di Venezia, Vela spa
Intorno alla Festa della “Sensa”
Conferenza
Una festa dimenticata: il palio di San Nicolò di Lido.
Balestra – arco – schioppetto – falconetto
Interventi di Gianna Cazzagon e Guido D’Este
Introduce Pasquale Ventrice
Strettamente legata al suo mare, Venezia celebra ogni anno, in occasione della Festa della Sènsa, il tradizionale “Sposalizio del mare” nelle acque antistanti la chiesa di san Nicolò del Lido. Dieci giorni dopo la festa dell’Ascensione, un’altra importante festa, oggi dimenticata, veniva celebrata dalla Serenissima in occasione di Pentecoste: il Palio di San Nicolò di Lido.
Gianna Cazzagon ha concentrato le sue ricerche storiche su questa festa che affonda le sue radici nel 1366, quando fu istituita per delibera del Consiglio dei Dieci, e che durò poi fino al 1739. Ne ha tratto un
libro nel quale narra la storia del palio, nato dalla necessità da parte della Repubblica di Venezia di avere sempre a disposizione dei balestrieri preparati, pronti all’azione bellica. Con l’avvento delle armi da fuoco poi, le balestre vennero sostituite dallo schioppetto, il falconetto, il moschetto e l’archibugio. Lo svolgimento del palio era un’occasione di festa a cui partecipavano nobili e popolani e i premi erano molto ambiti, tra tessuti preziosi, ducati d’oro e armi del palio. Gianna Cazzagon rievocherà all’Ateneo Veneto questa antica tradizione assieme al presidente della sezione di Venezia del Tiro a Segno Guido D’Este e al professor Pasquale Ventrice.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER