NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

mercoledì 12 Novembre 18:30

Aula Magna

Programma accademico

Corso di Storia dell’Arte Veneta

Ateneo Veneto e Associazione Amici dei Musei Veneziani
Corso di Storia dell’Arte Veneta
Paolo da Venezia, pittore della Serenissima Repubblica
Relatore: Ileana Chiappini di Sorio
Non si conosce l’anno di nascita di Paolo da Venezia, attivo tra il 1320-1362, ma è la prima personalità pittorica veneziana documentata e con opere firmate. La sua formazione artistica avviene probabilmente nell’ambiente dei pittori bizantini operanti a Venezia e non si esclude anche la conoscenza di opere provenienti da Costantinopoli. È aperto inoltre alla corrente giottesca padovana e non ignora l’influenza gotica.
La Dormitio Virginis del museo di Vicenza, datata 1333, è forse una delle sue opere più emblematiche del decorativismo in stile aulico costantinopolitano dove tuttavia inserisce anche elementi del gusto occidentale plasticamente costruiti.
Non si hanno molte notizie della sua vita privata ma aveva due figli, collaboratori nella sua bottega, con i quali sottoscrive nel 1345 la “pala feriale” destinata a coprire, appunto nei giorni feriali, la pala d’oro dell’altar maggiore della chiesa palatina di San Marco. Una posizione prestigiosa quindi, da pittore di palazzo e tenuto ben presente dagli artisti veneziani per tutto il Trecento per i modelli iconografici e tipologici

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER