NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>
Canova - Amore e psiche - Silva

mercoledì 09 Novembre 17:30

Aula Magna

Programma accademico

Corso di Storia dell’Arte 2022 – (I lezione)

Ateneo Veneto, Amici dei Musei e Monumenti Veneziani
Corso di Storia dell’Arte 2022
Canova a Venezia
diretto da Camillo Tonini

Saluto di Antonella Magaraggia, Presidente Ateneo Veneto

Lezione inaugurale
La scultura a Venezia prima di Canova
Relatrice: Monica De Vincenti, storica dell’arte

Nell’anno delle celebrazioni canoviane,  l’Ateneo Veneto ha voluto dedicare allo scultore di Possagno anche il tradizionale Corso di Storia dell’Arte, realizzato come di consueto in collaborazione con gli Amici dei Musei e Monumenti Veneziani.
La prima lezione, affidata a Monica De Vincenti, illustra l’evoluzione della corrente classicista della scultura veneziana, che ha costituito l’humus in cui crebbe il genio artistico di Canova, dagli inizi del Settecento sino al 1779, anno in cui lo scultore si trasferì a Roma.
Verranno presentati gli autori e le opere che contraddistinsero le tre diverse fasi di questo percorso coincidente con un crescente apprezzamento internazionale: dalla riforma del gusto in chiave antibarocca attuata da Antonio Tarsia e Giuseppe Torretti, al nuovo corso introdotto dal celeberrimo Antonio Corradini, il ‘Prometeo Tritoniano’, fino alle raffinate elaborazioni antichizzanti di Antonio Gai e Giovanni Marchiori, sostenuti nella loro crescita da intellettuali e ‘dilettanti’ di caratura europea come Anton Maria Zanetti e Francesco Algarotti.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER