NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>
Bruegel - Trionfo della morte

martedì 15 Novembre 17:30

Aula Magna

Programma accademico

Arte visiva e Neuroscienze – Laboratorio 2022

Ateneo Veneto, Accademia di Filosofia della Musica, Archivio “Vittorio Cini”, Donazione in ricordo di Giuseppe Traina

Laboratorio di Arte e Neuroscienze 
Saluto di Antonella Magaraggia, Presidente Ateneo Veneto

La speranza del negativo. L’utopia visiva del nero e le neuroscienze
Relatore: Mario Farina (Università IUAV)

Musica di Aleksandr Skrjabin (1872-1915)
Sonata n. 6  op. 62;  Etude op. 8 no. 9 “Alla ballata”
Andrea Furlan, pianoforte (Conservatorio “G. Tartini” di Trieste)

Dopo avere esplorato l’anno scorso le connessioni tra musica e neuroscienze, il Laboratorio prosegue la propria analisi studiando i processi mentali, percettivi e affettivi coinvolti nell’osservazione delle immagini, in particolare quelle negative, che contengono al loro interno un principio utopico in grado di aprire a un nuovo orizzonte.
In particolare questo primo incontro del ciclo parte dalla domanda “può l’arte essere veicolo di speranza?”. L’intervento di Mario Farina persegue la prospettiva per cui le immagini negative contengono un principio utopico che permette di immaginare il futuro. Di fronte all’epoca in cui viviamo, attraversata da immagini negative, l’arte è quindi in grado di offrire un principio capace di costruire l’utopia futura.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER