NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

Franco Debenedetti e la politica industriale all’Ateneo Veneto

Martedì 10 maggio 2016 (Sala Tommaseo, ore 17.00) Franco Debenedetti presenta all’Ateneo Veneto il suo ultimo libro “Scegliere i vincitori salvare i perdenti”. A conversare con lui saranno Paolo Baratta, Presidente della Biennale di Venezia, e Roberto Brazzale, presidente di Brazzale spa, mentre Alessandro Russello, direttore del Corriere del Veneto, modererà il dibattito.
A 83 anni il manager, attuale Presidente dell’ Istituto Bruno Leoni e senatore per tre legislature, analizza nel libro la politica industriale del Paese, dove lo Stato si sostituisce al mercato e sceglie i vincitori della gara concorrenziale. Salvo poi, quando l’”insana idea” non ha successo, dover correre ai ripari salvando i perdenti.
Ma la politica industriale influenza e condiziona anche «l’altra metà del cielo», quella dell’industria privata, delle grandi famiglie e non solo. Si allarga alla politica finanziaria, si espande a quelle culturali e giudiziarie. Cade sulle sue contraddizioni, risorge, sopravvive ai vincoli dall’Unione europea.
Dalla Grande Depressione alla Grande Recessione, dagli altiforni alla banda larga, dall’Italietta di Giovanni Giolitti all’Unione europea di Angela Merkel, gli assi di lettura di questo libro – storico, politico, personale – si incrociano in un punto: la politica industriale e le ragioni per cui è un’”insana idea”.

Altri articoli

ASSEMBLEA DEI SOCI Rinnovo delle cariche per il quadriennio 2010-2013

SONO RIPRESI GLI INCONTRI DI LINGUA E CULTURA INGLESI 2020

NOSTALGJA – Concerto della SVC

UMORI E FULGORI DEL SECOLO DEI LUMI

CRISTINA COMENCINI HA INAUGURATO IL 205° ANNO ACCADEMICO

PREMIO ACHILLE E LAURA GORLATO Assegnata la prima borsa di studio

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER