Ateneo Veneto

PREMIO BIENNALE "MARIA CAVALLARIN" SULLA DALMAZIA

02-05-2019

Con lo studio "Ca’ Foscari e l’imperialismo adriatico. La Dalmazia nell’università veneziana tra studi e ideologia" lo  studioso ALESSIO CONTE si è aggiudicata la 2° edizione del Premio "Maria Cavallarin", nel corso di una cerimonia che si è tenuta mercoledì 15 gennaio nell'Aula Magna dell'Ateneo Veneto, come preludio alla lezione inaugurale del Corso di Storia Veneta 2020.

Il concorso a premi è stato istituito nel 2017 dall’Ateneo Veneto di Scienze, Lettere ed Arti ed è stato indetto per legato testamentario dalla signora Maria Cavallarin «per premiare una ricerca originale sulla Dalmazia – sua terra natale – antica, moderna e contemporanea e mantenerne viva l’importante storia e tradizione».

Alla cerimonia di premiazione erano presenti le nipoti di Maria Cavallarin, Patrizia e Martina, con la loro mamma Laura.

La Commissione del Premio "Maria Cavallarin" presieduta da Michele Gottardi, ha ritenuto di premiare lo studio di Alessio Conte perchè ben scritto e ben argomentato e il più coerente rispetto al tema del bando.  L'eleborato prende in esame le attività e l’interesse rivolto da istituzioni universitarie, di ricerca e culturali alla sponda orientale dell’Adriatico, specie nei primi anni del secondo conflitto mondiale. Vengono considerate le attività e le iniziative messe in atto da Ca' Foscari nel contesto dei progetti imperialisti italiani nel Mediterraneo e nell’Europa Sud-Orientale tra cui il tentativo di creare nell'università un “Istituto per l’Europa Sudorientale e il Levante”.

Il premio - consistente in un assegno di 3.000 euro - è stato consegnato al vincitore dal presidente dell'Ateneo Veneto Gianpaolo Scarante e da Martina Cavallarin.

La commissione esaminatrice, composta da Michele Gottardi, Filippo Maria Paladini, Dorit Raines, Marialuisa Semi, Camillo Tonini e Alfredo Viggiano, ha ritenuto di assegnare una menzione d'onore al saggio dello studioso statunitense Christopher Wilke Platts "Paolo Veneziano and the Patronage and Reception of Venetian Gothic Painting".