NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>

mercoledì 15 Dicembre 17:30

Aula Magna

Attività ospitate

Burne-Jones e Venezia. Un viaggio nella Bellezza

Presentazione del volume
Burne-Jones e Venezia. Un viaggio nella Bellezza
di Michela Luce ((Venezia-Lido, Supernova Edizioni 2021)

Relatori: Camillo Tonini, conservatore e curatore collezioni d’arte dell’Ateneo Veneto
Rosella Mamoli Zorzi, docente emerita di Letteratura Anglo-americana
Franca Lugato, storica dell’arte
Michela Luce, autrice del volume

Un libro che narra un’avventura estetica elettrizzante, avvincente, totalmente coinvolgente, che non si conclude di fronte ai quadri del grande pittore Preraffaellita inglese dell’Ottocento, perchè sono proprio le sue opere che suggeriscono spazi “altri” dove perdersi.
Edward Burne-Jones (1833-1898) sbarca per la prima volta a Venezia appena ventiseienne e l’impatto emotivo con gli affascinanti monumenti gotico-rinascimentali affioranti dalle acque della Laguna provoca in lui inevitabilmente un’entusiastica esaltazione. A farlo approdare in Laguna erano state ragioni puramente artistiche e formative suggerite dal suo mentore d’eccezione, John Ruskin, che l’aveva scoperto, ne aveva colto le potenzialità e riteneva che andassero coltivate. Burne-Jones rimane stregato dalla città e dalle opere dei suoi pittori e torna a Venezia per perfezionare la sua arte, assimilandone gli insegnamenti, esaltandola pubblicamente per salvaguardarla, utilizzando le magie iridescenti, frutto di tecnica millenaria, prestando alcuni suoi lavori per promuoverla e trovandovi nuova linfa per sognare.
Nell’ambito della vastissima produzione conservata in musei e collezioni pubbliche e private di tutto il mondo, l’autrice ha inteso approfondire il rapporto che Burne-Jones ha avuto in particolare con Venezia, fondamentale sorgente di ispirazione a cui ha attinto, visitandola e soffermandovisi a lungo nel 1859 e 1862, per perfezionare la sua tecnica. Alla luce di nuovi studi e ricerche d’archivio, sono emersi materiali e documenti inediti ampiamente trattati ed evidenziati nel volume.

Michela Luce, giornalista, appassionata d’arte e cresciuta nell’ambiente del collezionismo ha collaborato in qualità di critica d’arte con le pagine culturali di varie testate giornalistiche. E’ corrispondente da Venezia della Gazzetta di Par­ma. Collabora con il blog di arte contemporanea Collezione da Tiffany. Ha operato negli uffici stampa di Palazzo Grassi e della Biennale di Venezia, nei settori di Cinema, Teatro, Architettura e Arti Visive, occupandosi di comunicazione e didattica. Dal 1996 gestisce la Galleria Luce Arte Moderna, a fianco del Teatro La Fenice, curandone l’aspetto espositivo, di comunicazione e allestimento.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER