NEWSLETTER

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

// jQuery wp_enqueue_script( 'script-jquery-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/views/plugins/jquery/jquery.min.js'); // jQuery UI wp_enqueue_script( 'script-jquery-ui-2',"https://code.jquery.com/ui/1.12.1/jquery-ui.js"); // Validate wp_enqueue_script( 'script-validate-2',"https://ajax.aspnetcdn.com/ajax/jquery.validate/1.11.1/jquery.validate.min.js"); // JS wp_enqueue_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', plugins_url() . '/custom-ateneo-menu/js/anagrafica/anagrafica-newsletter.js?version=' .uniqid()); wp_localize_script( 'script-anagrafica-newsletter-2', 'ajax', array( 'richiestePost' => admin_url( 'richieste_post.php' ) ) ); ?>
arte architettura

martedì 22 Novembre 17:30

Aula Magna

Programma accademico

Architettura e Neuroscienze – Laboratorio 2022

Ateneo Veneto, Accademia di Filosofia della Musica, Archivio “Vittorio Cini”, Donazione in ricordo di Giuseppe Traina

Laboratorio di Arte e Neuroscienze 
Tuning Architecture With Humans
Relatore: Davide Ruzzon, Direttore Scientifico di NAAD, Neuroscience Applied to Architectural Design, corso post-laurea annuale all’Università Iuav di Venezia

Musica di Claude Debussy (1862-1918)
Images II Livre
I. Cloches à travers les feuilles – Lent
II. Et la lune descend sur le temps qui fût – Lent
III. Poissons d’or – Animé
Emma Brumat, pianoforte (Conservatorio “B. Marcello” di Venezia)

Le neuroscienze offrono indicazioni sul meccanismo attraverso il quale l’architettura è stata un cruciale acceleratore del salto cognitivo degli esseri umani. Fuori da questa prospettiva non possiamo comprendere cosa significhi che il nostro pensiero è incarnato, e che coinvolge i luoghi in cui facciamo tutte le nostre esperienze. L’obiettivo dell’incontro è chiarire come l’inizio dell’architettura risieda nel passaggio dagli ambienti naturali a quelli artificiali, dove si sarebbero accoppiati indissolubilmente corpi e azioni, fin dalla fase dell’Homo Erectus.
Insieme alle trasformazioni culturali e sociali, in particolare negli ultimi due secoli, le tecnologie e le architetture umane hanno sviluppato città senza una sufficiente consapevolezza del ruolo fondamentale svolto dall’ambiente nell’evoluzione umana. Il nostro ambiente urbano e la crisi ambientale sono il risultato di questo oblio.

×

Ateneo Veneto è cultura in movimento

Iscriviti alla nostra newsletter:

Acconsento all'uso dei miei dati personali in accordo con il decreto legislativo 196/03

Registrazione avvenuta con successo!

NEWSLETTER